fbpx
Rachele Soliera > Blog > Design Thinking: cos’ è e perché adottarlo in azienda

Design Thinking: cos’ è e perché adottarlo in azienda

  • Scritto da: Rachele Soliera

Il Design Thinking è un approccio al problem solving pratico e creativo che ha come obiettivo principale quello di promuovere il benessere quotidiano delle persone.
Un processo interattivo che cerca di comprendere le necessità dell’utilizzatore finale, mettendo in continua discussione le assunzioni più scontate e ridefinendo il problema al fine di identificare strategie alternative e soluzioni innovative che altrimenti non verrebbero fuori.
Gira intorno al forte interesse nello sviluppare una profonda comprensione delle persone per le quali stiamo disegnando il prodotto o il servizio, aiutandoci ad entrare in empatia con il nostro target e spingendoci a mettere tutto in discussione: il problema, le assunzioni, le soluzioni.

Sviluppato all’università di Stanford e poi diffusosi rapidamente in USA, Canada e in gran parte d’Europa, il Design Thinking si ispira all’approccio human-centered nel quale scienza e tecnologia si sono incontrate per stimolare creatività, condivisione e co-creazione e trovare soluzioni per problemi a volte estremi per la vita delle persone (come povertà, mancanza di igiene, scarsità di acqua, ecc).

La metodologia manageriale del Design Thinking mette quindi al centro le persone, ne osserva i comportamenti, ne intuisce i bisogni.

E’ di fatto un metodo di gestione aziendale innovativo e dinamico, che ribalta la visione tradizionale delle Business School (che vedono il business al vertice del triangolo con persone e tecnologia alla base), con una visione incentrata sulle persone.

E’ estremamente efficace nell’affrontare problemi dove la malattia è incerta o sconosciuta, reinquadrando il problema da un punto di vista human-centric, che parte dal consumatore/cliente per comprendere le sue reali necessità e trovare soluzioni che rispondano in modo efficace a questi bisogni.
Così, partendo dal basso, si costruiscono modelli di business che aumentano drammaticamente la capacità delle organizzazioni (aziende profit, no profit, pubbliche amministrazioni ecc.) nel prendere decisioni innovative e redditizie, creando condivisione e benessere per tutti i suoi stakeholder, interni ed esterni.

Il metodo

Il processo si snoda attraverso 3 grandi fasi: Ispirazione – Ideazione – Implementazione.

Nella fase dell’Ispirazione si impara direttamente dalle persone per cui si sta disegnando il progetto, vivendo a stretto contatto con loro in modo da comprenderne i reali bisogni.
Nella fase dell’Ideazione si dà un senso a quello che si è imparato, identificando opportunità da testare e prototipando possibili soluzioni.
Nella fase dell’Implementazione l’idea si materializza diventando prodotto o servizio.

Queste fasi vengono a loro volta dettagliate in 5 momenti:
Empatizzazione, Definizione, Ideazione, Prototipazione e Testing.

 

In ognuno di questi step vengono utilizzati attività e tools creativi, dove l’arte si combina con la scienza e la tecnologia.
Sessioni di brainstorming per generare idee che poi verranno prototipate e testate attraverso strumenti esperienziali.
Teatro, video, metafora, musica, visual display si uniscono ed alternano con statistiche, canvas, modelli gestionali, al fine di affrontare fattivamente seri problemi di business e innescare processi innovativi.

Nel mio lavoro, tanto che si tratti di un progetto di consulenza, di formazione o di una facilitazione, mi avvalgo spessissimo dell’approccio metodologico e degli strumenti che il Design Thinking mette a disposizione. Il cliente è sempre al centro dei miei pensieri e la sua soddisfazione e la soddisfazione dei suoi clienti, dei suoi consumatori, dei suoi impiegati, diventa la mia soddisfazione!

evento AlterContacts

Ne è un esempio il Sales Design Training Program, il primo programma di training esperienziale dedicato ai reparti commerciali che punta allo sviluppo delle risorse e delle potenzialità interne attraverso una maggiore presa di coscienza di sé stessi delle proprie capacità, ma anche delle potenziali lacune, in grado di innescare creatività, processi di autocritica, empatia e al tempo stesso garantire un alto grado di coinvolgimento e partecipazione.

Se vuoi sapere qualcosa di più sul Design Thinking e sulle possibili applicazioni per la tua azienda, chiedi un contatto, sarò felice di ascoltare e comprendere le tue esigenze per disegnare insieme il progetto adatto alla tua organizzazione.